ASSOCIAZIONE LA RONDINE
Associazione La Rondine Odv
Via Mozart, 20 - 20021 Bollate (MI)
02 33300735
pec: associazione.larondine@pec.it
e-mail

AGGIORNAMENTO COVID-19 IN BIELORUSSIA

Ad oggi risultano 40764 positivi con il costante aumento di 900/1000 casi al giorno.
Il “picco”, già più volte previsto, non è ancora stato raggiunto. Con la costante ritrosia a dichiarare che qualcuno muoia per questa epidemia, vengono dichiarati 224 deceduti per altre patologie, nei quali si riscontra anche l’infezione da coronavirus.
L’attenzione del governo è soprattutto concentrata sulle prossime elezioni presidenziali.

SITUAZIONE DELLA COVID-19 IN BIELORUSSIA

In Bielorussia ora risultano 30572 casi di positività al Sars-Cov 2, con un incremento giornaliero di 900/1000 nuovi casi, mentre le previsioni massime per maggio erano di 300/400. Il picco epidemico è ancora lontano dall’essere raggiunto.
Sul fronte dei decessi sono segnalati 171 casi di persone morte per altre patologie “anche” positive al coronavirus.

 

A FIANCO DELL’ELBA CONTRO LA COVID-19, CON IL MARE NEL CUORE

L’abbraccio di solidarietà che ha circondato l’Isolad’Elba è stato tanto forte da raggiungere traguardi veramente importanti.

I vertici della sanità elbana hanno pubblicamente espresso “profonda gratitudine, considerato l’alto valore economico, per le attrezzature donate alla nostra struttura ospedaliera che sarà così in grado di fornire una risposta più concreta, efficace e tempestiva nella cura del Covid 19.”

E noi, partecipando, siamo stati orgogliosi e ora ….. felici…. con il mare nel cuore !!!

EMERGENZA COVID 19 IN BIELORUSSIA

L’ultimo resoconto segnala 18350 positivi al Sars-Cov 2. Mediamente si registarno 800/900 nuovi casi al giorno, con una curva di crescita epidemica sempre molto verticale.
Non c’è segnalazione dei decessi, ma solo indicazione degli indici di mortalità di altre patologie o infortuni. mentre l’OMS, preoccupata della situazione in questo Paese, ha richiamato più di una volta il governo bielorusso di applicare misure di contenimento.

 

ANNIVERSARIO DI CHERNOBYL

Oggi, 26 aprile, ricorre il 34° anniversario del disastro di Chernobyl, e l’emergenza continua.
A distanza di tanto tempo, la memoria di questo evento si sta affievolendo, ma le conseguenze permangono e colpiscono soprattutto i bambini.

ANNULLATI I GRUPPI DI GIUGNO

Per il perdurare della situazione di emergenza la programmazione dei gruppi di giugno è annullata.

AGGIORNAMENTO COVID-19 IN BIELORUSSIA

In Bielorussia i casi di contagio da Sars-Cov2 sono 3728 con 36 morti e la curva di incremento è molto ripida.
Una proiezione basata sulla valutazione di numero di tamponi/milione di abitanti e numero di infetti/milione di abitanti
correlata all’andamento internazionale stimerebbe che fra 3 settimane potrebbero esserci oltre 15000 contagiati e 400 morti.
Tutte le attività sono aperte e sale quindi la paura fra la popolazione, che, per quello che può, tiene volontariamente atteggiamenti di isolamento o rinuncia sociale.
Le moltissime persone che conoscono il nostro Paese vedono il loro prossimo futuro in quanto sta succedendo da noi e sono molto preoccupate.
Di fronte alle evidenze il presidente inizia a sostenere con meno convinzione la linea della psicosi da contagio.

FORTE CRESCITA DEI CONTAGI IN BIELORUSSIA

Ad oggi i contagiati da coronavirsu sono 3281 con 33 morti.

COVID-19 IN BIELORUSSIA

Secondo i dati del Ministero della Salute bielorusso, l’aggiornamento della situazione di contagio da Sars-CoV2 riporta 1981 positivi, ieri erano 1486. Il numero dei deceduti è salito a 19.

INCENDIO BOSCHIVO VICINO A CHERNOBYL

In prossimità della località di Chernobyl si è verificato un incendio boschivo che non interessa
l’area dell’impianto della centrale.
Essendo i boschi di quei quei territori contaminati si è presentato il rischio di rilascio di fumi radioattivi.
Le rilevazioni sono discordanti, comunque, considerando la dose annuale di normale esposizione,
la situazione non sembrerebbe allarmante.

E’ più preoccupante, invece, la centrale termoelettrica a biomasse “EkoTES” nella città di Ivankiv (Ucraina), attiva dal 2014 e che brucia 600 tonnellate al giorno di legname prelevato anche dalle zone di esclusione.