ASSOCIAZIONE LA RONDINE
Associazione La Rondine
Via Mozart, 20 - 20021 Bollate (MI)
02 33300735
info@larondine.it

LA GRANDE GUERRA-LETTERE DAL FRONTE

126401In occasione del centenario del conflitto del 15-18, che ha segnato e strappato la vita di milioni di persone, abbiamo anche noi l’opportunità di soffermarci un attimo per dedicare un pensiero a tutti coloro che ne soffrirono, grazie alla profonda ed umana testimonianza che ci offre Maria, socia ed amica della nostra associazione.

Tempo fa ha trovato in soffitta una infinità di lettere che si scambiarono i suoi nonni, allora giovani promessi sposi, mentre lui era al fronte.
Per amore le ha ordinate e pubblicate, offrendo al lettore la possibilità di entrare nei sentimenti di chi era in guerra, in trincea o a casa, e non dimenticarli.

Maria ha ancora una volta avuto un pensiero per l’associazione offrendo alcune copie del libro.

Chi fosse interessato al libro può contattare direttamente Maria Ausonia Saccarello – tel.02-9312029, oppure l’editore Itinera Progetti.

 

NUOVO ALLARME FALLOUT

Il 26 aprile (giorno, per ironia della sorte, dell’anniversario dell’incidente nucleare) si è sviluppato un grande incendio nella zona di esclusione di Chernobyl; è stato estinto il 2 maggio in mattinata ed ha riguardato un’estensione di 113 km2 e non solo di 4 km2 (28 volte di meno) come dichiarato dal primo ministro ucraino.
L’incendio ha sollevato in aria radionuclidi che si sono diffusi nei paesi vicini, in particolare in Bielorussia, in cui il pennacchio radioattivo è penetrato per oltre 60 km nella provincia di Narovlja in direzione di Mozyr e Russia.
E’ difficile stabilire e prevedere la diffusione globale, ma una ricerca del Novergian Insitut for Air Research ha dimostrato che incendi di tale portata (come quelli avvenuti nel 2001, 2008, 2010) hanno mobilizzato dal 2 all’8% del Cesio137 liberato dall’incidente del 1986 e che le nuvole generatesi si sono spinte, al Nord, fino alla Scandinavia e, al Sud, fino alla Turchia.
A proposito della inevitabile diffusione degli aerosol radioattivi dell’incendio, l’stituto di Radioprotezione e  Sicurezza Nucleare ha dichiarato che c’è da aspettarsi un aumento di 3 volte della radioattività in Francia, a partire dalle 2 settimane successive all’evento.

FESTA DELLA VITTORIA

Domani 9 maggio in Bielorussia si festeggia la fine della seconda guerra mondiale