ASSOCIAZIONE LA RONDINE
Associazione La Rondine
Via Mozart, 20 - 20021 Bollate (MI)
02 33300735
info@larondine.it

FINALITA’

Il progetto Chernobyl della Rondine non è una semplice offerta di vacanza per i bambini bielorussi, ma si propone di aiutarli concretamente organizzando per loro soggiorni di risanamento secondo particolari finalità e criteri.
Individuando zone particolarmente contaminate, sono stati adottati alcuni piccoli villaggi delle campagne bielorusse vicine alla centrale, garantendo nel tempo l’invito in Italia di tutti i loro bambini.
In questi anni La Rondine ha costantemente e regolarmente organizzato i soggiorni per i bambini, ma ha anche sostenuto in loco iniziative sociali e provveduto a soddisfare bisogni materiali di scuole o strutture pubbliche.
I bambini assegnati alle famiglie italiane hanno tutti una famiglia di origine, mentre bambini orfani o orfani sociali vengono ospitati esclusivamente in struttura, per non interrompere o stravolgere la loro abituale situazione di vita comunitaria e per non ingenerare in essi, ma anche nelle famiglie, false o inopportune illusioni di adottabilità.
La durata dei soggiorni è mediamente di 5 settimane, ripetibili presso la medesima famiglia ogni 12 mesi fino al compimento del 14° anno di età.
Ciò favorisce i legami affettivi, rendendo possibile il miglior andamento delle integrazioni e quindi dei soggiorni, inoltre aiuta le famiglie di origine a sviluppare una maggior fiducia verso l’associazione e la famiglia ospitante e ad affrontare ogni volta il peso della lontananza dei figli con maggior serenità e tranquillità.
Anche a ciò serve il sistema dell’adozione dei villaggi, infatti, ogni bambino riferisce le medesime esperienze e, per le famiglie di origine, i riscontri di positività sono maggiori.
Il limite di età, condiviso dalla maggior parte delle organizzazioni, tiene contemporaneamente conto del fatto che a quel momento il massimo sviluppo dell’organismo dei bambini sta terminando, con forte riduzione del beneficio dei soggiorni all’estero, che diventerebbero allora poco più che una semplice vacanza, e di dare opportuna rotazione agli inviti per offrire ad altri piccoli queste importanti opportunità.
il proseguimento oltre questa età non risponde alle finalità dell’iniziativa e, nei villaggi di provenienza, può generare anche malumori e attriti sociali tra le famiglie che assistono a trattamenti esageratamente disuniformi nei confronti dei bambini, alcuni dei quali ricevono tanti inviti a scapito di molti che non ne riceveranno mai.
Questo è un punto di criticità dell’iniziativa superabile solo con la convinzione dei partecipanti delle sue reali finalità, quindi, non trattandosi di operazioni mercantili né di agenzie di viaggio, le organizzazioni di volontariato come La Rondine, nel presentare intenti e criteri, intendono sensibilizzare e coinvolgere solo quelle famiglie che ne condividano i principi, sicure di partecipare ad una operazione collettiva non esclusivamente personale.